Rassegna Stampa

08 febbraio 2019

Farmaci

Parte il passaporto elettronico Ue anti-contraffazione. Per il bollino italiano deroga fino al 2025

Fonte: sanita24.ilsole24ore.com

Operativo da domani il sistema di tracciatura e vigilanza dei farmaci, attivo in 31 Stati dello spazio economico europeo (See) – i 28 Paesi membri Ue più Islanda, Liechtenstein e Norvegia – basato sull’apposizione di un codice identificativo univoco a barre bidimensionale (Datamatrix 2D). Un passaporto elettronico indispensabile per «circolare» nel network del nuovo European Medicines Verification System (Emvs), il sistema europeo di verifica dei medicinali, istituito nel 2016 in attuazione della direttiva anticontraffazione (62/2011/UE) e del relativo Regolamento delegato. Una rete di sicurezza che mette in collegamento 2mila aziende farmaceutiche, circa 6mila grossisti, 140mila farmacie, 5mila farmacie ospedaliere e tutti i dispensatori di medicinali attivi nello spazio economico Ue con l’obiettivo di proteggere i pazienti europei dal rischio di ingresso di farmaci illegali. Ne da notizia una nota congiunta di Farmindustria-Aip-Assogenerici.

Condividi: