Notizie

29 aprile 2021

Condividi:

Speranza: “Il nemico è il virus. No a scontro politico”

Categoria: Governo e Parlamento, Ministero della salute e SSN

Speranza: “Il nemico è il virus. No a scontro politico”

Con 29 voti a favore, 221 contrari e tre astensioni, l’aula del Senato ha respinto ieri la mozione di sfiducia al ministro della Salute, Roberto Speranza, proposta da Fratelli d’Italia.

L’aula del Senato ha respinto anche la seconda mozione di sfiducia al ministro. Il documento, proposto dal senatore Gianluigi Paragone, ex M5s e ora al gruppo misto, ha avuto 29 sì, 206 no e due astensioni.

Stop anche alla terza mozione di sfiducia a Speranza, proposta dal senatore Mattia Crucioli di ‘L’alternativa c’è’ e nel gruppo Misto: con 28 voti favorevoli, 204 contrari e due astensioni, l’aula del Senato l’ha bocciata.

“Comprendo le ragioni della battaglia politica, ma la politica non è un gioco d’azzardo sulla pelle dei cittadini. Sconfiggere il virus è la priorità, la premessa di ogni ripartenza economica e sociale. In un grande Paese non si fa politica su una epidemia”. Ha sottolineato il ministro della Salute, Roberto Speranza, nel suo intervento in Aula Senato, durante la discussione delle mozioni di sfiducia nei suoi confronti. Il ministro ha puntato l’indice contro “il tentativo di sfruttare l’angoscia di tanti italiani per miopi interessi di parte” e ha invitato a “non dividere il Paese sulla pandemia”. “Avrei potuto spesso scaricare sulle Regioni. Non l’ho fatto e non lo farò mai”, ha detto, rilanciando il suo appello all’unità.

Sulle critiche riguardo il piano antipandemico fermo al 2006, il ministro Speranza ha rivendicato: “Ho giurato al Quirinale il 5 settembre del 2019 e posso dire, a testa alta, che adesso il piano pandemico antinfluenzale aggiornato c’è”. Chi ne denunciava la mancanza, ha precisato, “si riferiva a un lungo periodo in cui si sono alternati 7 governi, sostenuti da tutti i gruppi politici oggi in Aula. Anche da gruppi che ora chiedono la mia sfiducia”.

Sul ritiro del report dell’Ufficio Oms Europa di Venezia, il ministro della Salute ha ribadito che si è trattato di una scelta tutta interna all’Oms. Nel corso del suo intervento, il ministro Speranza ha sottolineato che “solo nella prima ondata l’Italia ha avuto un tasso di letalità più elevato, dovuto alla durezza dell’impatto nel nord del Paese e alla demografia italiana. Nella seconda si è mantenuta al 2,2%, nella media degli altri Paesi. La Germania, ad esempio, è al 2,3%”.

La pandemia, ha rimarcato poi il ministro, ha fatto emergere “debolezze e limiti del nostro Servizio sanitario nazionale, dopo decenni di scelte sbagliate e miopi”. Una sanità su cui si è investito, con 81.236 nuove assunzioni, con l’attivazione di 1.339 Usca, più di quelle previste, e con l’aumento del 106% dei posti letto di terapia intensiva.

L’intervento del Ministro Speranza in aula al Senato

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi