Rassegna Stampa

11 settembre 2019

Governo

Sottogoverno, partita aperta: il punto prima del Cdm di domani

Fonte: Public Policy

Domani a Palazzo Chigi è in programma la riunione del Consiglio dei ministri, e sul tavolo potrebbe esserci la chiusura del cerchio su sottosegretari e viceministri. L’obiettivo della maggioranza sarebbe di assegnare le deleghe proprio nel Cdm di domani, ma la partita è abbastanza complessa: gli incarichi da distribuire dovrebbero essere 42, in modo da occupare tutte le caselle che la legge consente; il Governo può essere composto al massimo da 65 elementi, e attualmente – tra premier, ministri e sottosegretario alla presidenza – sono già stati assegnati 23 incarichi.

Ai 5 stelle – tra sottosegretari e viceministri – ne andrebbero 22-23, al Pd 17-18 e 1-2 a Leu. Qualora non fosse possibile trovare un’intesa domani, l’Esecutivo potrebbe rimanere a ranghi ridotti per un’altra settimana, posticipando le nomine ad un nuovo Cdm. La partita si chiuderà “il prima possibile” ha detto Giuseppe Conte, ma il rischio slittamento è concreto. Un primo ‘dispiacere’ per il premier è arrivato dalla rinuncia di Roberto Chieppa, segretario generale di Palazzo Chigi, a diventare sottosegretario alla presidenza.

Condividi: